Mappando in flash

i) Le strane animazioni di Raku-gaki.

ii) Un salto nel passato (un Amstrad… 1989…) e nelle spine con
Prince of Persia.

iii) Una serie di effetti con il neonato Flash 8.

iv) Credo che la Mini Cooper sia una delle macchine quintessenza dell’arroganza, un oggetto inutilmente costoso per chi vuole mostrare qualcosa di cool.
Odio quelli che hanno sul tetto la bandiera della Gran Bretagna e i figli di papà che la ricevono per i 18 anni, le donne in carriera delle otto di mattina e i quattro amici che ci scorrazzano la sera, odio quel clacson irritante suonato da qualcuno con gli occhiali da sole e odio il cruscotto, le luci e persino le sospensioni. E i pneumatici , anch’essi arroganti. E vili.
Per queste ragioni non posso che rifiutarmi solennemente di linkare questa impressionante galleria con i più disparati lavori grafici ordinati per tag e una straordinaria navigazione sospesa nel vuoto a metà tra il carcere di 2013 – La Fortezza e la fabbrica di porte in Monster & Co.
E’ possibile fare l’upload dei propri lavori e selezionare i preferiti con il dragn’n drop, ma non lo segnalo.
Perchè preferisco dedicare un pensiero a voi, piccole e fredde Panda, Visa e soprattutto a te, Mehari.
(prossima puntata: quelli che collegano l’iPod all’ iBook con noncuranza e un leggero sospiro di spossatezza.)

v) La versione flash di Google Maps. E’ anche disponibile la sorgente.

Lascia un commento


Archivio categorie

Here's the months' archive. The time is now, remember.